Stampa questa pagina

Calamarata con calamari

Vota questo articolo
(2 Voti)

Anche se può sembrare un bisticcio di parole vi assicuriamo che si tratta di un primo piatto d'eccezione:tutto si basa sulla qualità dei calamari usati e sulla qualità della pasta.

Informazioni aggiuntive

  • Descrizione ricetta:
    1. Calamarata con i Calamari anche se può apparire un bisticcio di parole Ricetta di Antonio & Tina
    2. Primma e' accumincià ce vò ‘a materia primma: belli calamàr ruòss ruòss Prima di tutto occorre la materia prima: dei bei calamari di taglia extralarge
    3. Ppe fa' ampress c'amm spiat’ ‘na man’ a Giuvann, o pisciavinnl do’nuost: c'ha luat’ a penna e l'ha pulezzato d’’a rrobba ‘e cuorpo Per semplificare il lavoro li abbiamo fatti eviscerare e privare della “penna” dal nostro pescivendolo di fiducia Giovanni
    4. Comunque na' sciacquata… è semp’ megl' da fa! Comunque una lavatina… non guasta mai!
    5. Cocc’run sturzellarà o' nasò ma in cucinà e' fòrbic song ovèr o massim:nc’ servn ppe fa' ad anellìn ‘a sacca d’e’ calamar’ Qualcuno rabbrividirà ma in cucina le forbici sono davvero insostituibili:le usiamo per fare ad anellini la sacca dei calamari
    6. A stessa serve pure pe’ rranfe ! Riserveremo lo stesso trattamento per i tentacoli
    7. allora ca’ ne dicite de' forbici ? Non vi sembra comodo?
    8. ‘ e calmàr song prontì, astipammancill… I calmari sono pronti,mettiamoli da parte
    9. Vuttamm' cerasiello,nu fìlo ‘e uoglio ‘e auliva e nu spìculo ‘e agliò jnta nà tiella ròssa, In una ampia padella mettiamo peperoncino,un filo di olio ev di oliva e gli spicchi di aglio
    10. Lasciàm ingiallì ‘o spìculo ‘e aglio Lasciamo imbiondire gli spicchi di aglio
    11. na' vota imbiondìt l’agliò mittimmc ‘e calamar’ Una volta imbiondito l’aglio aggiungiamo i calamari
    12. Tuculiam’ nu pucurill’ ‘a tiella Smuoviamo un pochino il tegame
    13. Aiutiamòc cu na cucchiairell e' lignamm’ Aiutiamoci con un cucchiaio rigorosamente di legno
    14. Ancor cocc’ minuto… Ancora qualche minuto…
    15. o' gruoss è fattò ! Ecco.la prima fase è terminata !
    16. Primm’ avèv’m appriparàt’ ‘e pummarole a pezzull’ Precedentemente avevamo preparato i pomodori a filetti
    17. Ammiscamm ‘e pummarole co’ ‘e calamar’ Uniamo i pomodori ai calamari
    18. facimme cocèr tutt’ cos’ pe’ còcc minutò Lasciamo cuocere il tutto per qualche minuto
    19. Frattann’ luvàmm l’uoss’ a na’ decin ‘e aulive e Gaetà Intanto snoccioliamo dieci o dodici ulive di Gaeta
    20. E' pummarole so' fatt’ ! I pomodori sono cotti !
    21. Mittimmc pure ll’ aulivè senz’ uoss’ into' sugò de' calamàr e pummarol’ Aggiungiamo le ulive snocciolate al sugo di calamari e pomodori
    22. Facimme piglià sapore ppe còcc minuto Facciamo insaporire per qualche minuto
    23. ‘ O sugo è prontò ppe spusà ‘a pasta Il sugo è pronto per sposare la pasta
    24. chistu è ‘o formàt ‘e pasta speciàle “Calamaratà” e' Gragnano,arricurdatev’ che adda essere quas’ tosta Questo è il formato di pasta speciale che si chiama “Calamarata”,vi risparmio il calare e lo scolare la pasta che comunque deve essere molto al dente
    25. Sculat’ ‘a pastà mettimmòl int'a' tiella cu o' sugò aunnaenn’ sempe nu' pocurill’ ‘e acquà ‘e cottura Scolata la pasta mettiamola nella padellona con il sugo aggiungendo sempre un pochino di acqua di cottura
    26. Chist è o' nciarm’ ppe fa vnì bòn ‘a cottùr da' Calamaràta Questo è il consueto trucchetto per terminare la cottura della Calamarata
    27. Nun v’ scurdàte ‘e avutà spiss’ ‘a pastà Ricordarsi di girare spesso la pasta
    28. O' sughètt si sta strignenn o' punt giustò Il sughetto si sta stringendo al punto giusto
    29. ‘ A Calamaràta è pronta La Calamarata è pronta
    30. Facimm ‘e piatt’ ! Prepariamo i piatti
    31. ‘ O strumiènt ca stamm’ ausann’ è “ ’o cuppino” Lo strumento che stiamo usando è “’o cuppino”
    32. Nun c''è bisògn ‘e parlà L’immagine parla da sola
    33. Vrit comm a' pastà e' Gragnano manten ‘a cottura Notare come luna pasta di qualità ( come quella di Gragnano) tenga bene la cottura
    34. Scusat'm si vi’ facciò abberè sempe e’‘ stessi foto Vi chiedo perdono se indugio sulle immagini
    35. Ma chist’ è o' meglio modo pe' cuntà Ma questo è il mio modo di raccontare
    36. Non ci resta che augurare a tutti di dare il giusto valore alla “tavola”non solo come piacere del palato ma come momento di aggregazione e condivisione! Antonio e Tina antonio.florino@gmail.com
  • Ingredienti:

    Per quattro persone

  • Info Varie:
    Tempo di realizzazione
    Tempo di cottura 20 minuti
    Difficoltà per un napoletano facile
    Difficoltà per un non napoletano facile